domenica 24 settembre 2017

Quel treno che non c'è

Foto mia
Ho capito che era l'uomo della mia vita quel giorno in treno verso Bolzano era tutto pieno, gente e valigie dappertutto ,un casino proprio ,tutti appiccicati come aggiughe. Lui però un posto a sedere ce l'aveva  e dopo aver preso una craniata con la mia borsa  sistemata  alla peggio sopra la  sua testa  gli ho fatto compassione  e mi ha fatto sedere sulle sue ginocchia. A quel punto scende  un imbarazzo totale..non sapevo se alzarmi e ringraziare o rimanere seduta lì , su di lui. Era bello ma di un bello..e mi fissava sempre ed io fissavo lui. Optai per la seconda e rimasi lì bella comoda un venti minuti  e ci siamo messi a chiaccherare  del più e del meno. Quand'ecco la mia fermata, cazzo  non mi sarei spostata da li per nessuna cosa al mondo  ma lo feci , lui gentilmente mi prese la borsa  e mi diede un'occhiata alle tette che dal trambusto  una stava uscendo a tradimento. Corsi  alla porta tra spintoni e schiacciamenti e scesi.
E lui non c'era più
 quando ti dicono che "un treno è perso"..
beh,credeteci  

Domenica

Sono le  sette di una domenica qualunque e fuori dalla mia finestra si sta scatenando il finimondo.. con questo silenzio i tuoni e lampi  sono ancora più cattivi..
ecco  , adesso un fulmine qui vicino !!
Questa notte ho dormito bene ma ho fatto un sogno strano...ero dal medico  e quando sono uscita c'erano tantissime persone in sala d'aspetto, tutti artisti, chi si buttava dall'alto su un tappeto elastico , chi recitava. .e molti li conoscevo; ho provato a dargli una spiegazione logica ma non mi è venuto niente , Sarà  stata la pizza di ieri sera  che non ho digerito bene , boh !

Quasi quasi me ne torno a letto ,sotto le coperte   con la pulciona pigrona vicino che ha più paura di me  e che "per una volta" ce l'ho appiccicata addosso 
..e andiamo

Buona domenica

Pulciona

venerdì 22 settembre 2017

Due bionde in cucina

Che non sono brava in cucina questo si sa. Pur avendo un padre e un fratello chef e  con altre  specialità in merito io e mia mamma siamo due frane. Però  ogni tanto ,specialmente quando ho un pomeriggio libero e ho bisogno di rilassarmi  chiedo alla mia assistente preferita e più esperta   (mia figlia Anna) se le va di aiutarmi . Lei ,a volte accetta volentieri altre no, dipende dal progetto  , la ricetta in parole povere. L'ultima nostra creazione è stata una torta, anzi una Ciambellona
la ricetta l'abbiamo presa al negozio di farine  che è un mulino e dove hanno uno spaccio di prodotti  Bio.
Solo che gli ingredienti erano un po'...atipici ... infatti ci abbiamo pensato due nanosecondi prima di decidere se farla,  e alla fine  l'abbiamo fatta. 
A mio parere ,  è una bomba calorica , ne ho assaggiato giusto un pezzettino perché  non mi ispirava molto , ma era facile da fare e poi   avevamo tutti gli ingredienti  nella credenza.

Ingredienti:

* 250 di farina ,250 di zucchero , 100gr di olio di oliva, 130 di acqua, 3 uova, e una bustina di lievito . ecco, dovevamo mettere anche le bacche di vaniglia ma  non sapevo nemmeno che esistessero e così  abbiamo fatto senza,  incrociando le dita...
Il procedimento abbastanza facile:abbiamo montato le uova  e lo zucchero con le fruste elettriche  ,abbiamo aggiunto l'olio ,poi l'acqua e infine la farina e il lievito.
..44 minuti in forno a 180 gradi 

eeeee uallààààààà

..lo so ne manca una bella parte ,il casino era nasconderla a mia madre  che venuta a trovarci con il suo colesterolo alto,  un paio di fette se le ha pappate subito  e il resto se l'è portato a casa!!

però..
che rimanga tra noi..
non era tanto buona.
anzi
.
..mancavano le bacche , forse per quello ?

Ciambellona


giovedì 21 settembre 2017

julietpensiero

E poi succede
che all'improvviso ti svegli e capisci che non era un sogno e che per un periodo di tempo hai creduto di conoscere veramente una persona. Ti racconti ti confidi  ti lasci andare ,ti fidi e  prendi tempo ..perché "devi". Maledetto tempo ,potrei dire ..e invece si è rivelata la scelta giusta perché non sarei qui oggi a scrivere questo "pensiero al volo" dopo averci pensato qualche giorno.

Sono sempre stata brava in tutto : bambina  ,fidanzata  moglie  poi  mamma. Si, ho avuto le mie soddisfazioni, ho raggiunto degli obiettivi importanti sul lavoro ma  tre anni fa qualcosa è accaduto, e per fortuna potrei aggiungere  ,perché mi ha aperto gli occhi  e ho visto per la prima volta una donna infelice sola con nessuno accanto se non persone visi, volti conosciuti ma di amore ..nemmeno l'ombra. Che sia mia la colpa? forse non ho dato abbastanza? chi lo sa..ormai è troppo tardi per rimurginarci sopra. E così è successo di nuovo,

..come un castello di sabbia
tutto così fragile che alla prima onda anomala si è dissolto tutto


il mio lago..qui sto bene

mercoledì 20 settembre 2017

L'Amore è..

Ecco, oggi  sono iniziati i corsi di teatrodanza  in Accademia  e non ce l'ho fatta a stare lontano dalle mie puzzoline cresciutediunanno e come incarico ho dato loro un pensierino da sviluppare anche a casa ma la voglia era tanta che  li abbiamio fatti a scuola i compiti.
La domandina facile facile  era questa:

Per te, L'Amore , che cos'è ?

"Quando la mia nonna  aveva  il braccio con le fasce e non poteva  mettersi lo smalto,  così lo faceva il nonno per lei anche se aveva pure  l'artrite. ." (Elisabetta, 8 anni)
"L'amore è quando la ragazza di mio fratello  si mette il profumo, e lui il dopobarba, e poi escono insieme per annusarsi." (Gaia, 5 anni)
"L'amore è quella cosa che ci fa sorridere quando siamo stanchi." (Pietro, 4 anni)
"quando la mia  mamma fa il caffè per  il papà e lo assaggia prima, per vedere se è buono." (Thomas, 7 anni)
"L'amore è quando mamma da' al papà il pezzo più buono del pollo." (Giulia, 5 anni)
"L'amore è quando il mio cane mi lecca la faccia, quando torno da scuola " (Chiara , 4 anni)

e per te che leggi,
L'amore ,
cos'è ?